Forum associé au jeu les royaumes renaissants
 
AccueilAccueil  S'enregistrerS'enregistrer  ConnexionConnexion  

Répondre au sujetPartagez | 
 

 [rp] l'Aristotélité, ce vaste monde [...] Pars imperii lingua italicum

Aller en bas 
Aller à la page : Précédent  1, 2
AuteurMessage
iZaac
Père Castor
avatar

Messages : 5542
Date d'inscription : 10/06/2008

MessageSujet: Re: [rp] l'Aristotélité, ce vaste monde [...] Pars imperii lingua italicum   Mar 28 Fév - 9:50

Citation :


28/02/1465 Osterputz en Italie d'Empire

Genève (AAP) - Leurs Éminences Tacuma de' Giustiniani Borgia, Cardinal Électeur, Patriarche d'Aquilée et Évêque de Padoue, Samuele Borgia, Cardinal Inquisiteur et Archevêque de Milan, Jean Leonard De-la-Roche, Archevêque de Florence, et Stefano Maria Ludovico de' Giustiniani Borgia, Cardinale romano elettore della parrocchia di San Origène sulla via Appia, Vice-Cancelliere della Congregazione della Santa Inquisizione et d'autres encore, longues comme le bras, ont été mis au ban de l'Empire et leur nom gribouillé des tablettes de l'Héraulderie impériale et noirci ailleurs.

Que s'est-il donc passé pour que Sa Majesté Impériale fronce le sourcil contre l'Eglise ? Toute l'Eglise ? Non ! Juste un petit village romain entre le Po et l'Arno.

Notre lecteur assidu n'ignore rien des déboires d'Empire dans les Apennins. Depuis l'été, SMI. Elias Ier affronte de-ci-de-là l'irrédentisme ultra-mondain des bourgeois, condottieres et aristocrates d'Italie. Un coup, c'est un ombrageux Génois qui fait la misère à Venise, un coup c'est un bêcheur Florentin qui proclame les Libertés de sa Repubblica. Si l'on ajoute à cela la Course barbaresque et les chevauchées des serbo-valaques en Vénétie, on peut dire sans rougir que la populeuse Italie palpite d'un cœur fier qu'il faut prendre garde de ne point froisser.

Et patatra ! La querelle de l'Investiture florentine dégénère en plainte ecclésiastique contre l'Empereur accusé d'hérésie pour l'occasion. Ce dernier réplique en sommant l'Eglise de respecter le Concordat qui la lie à l'Empire. On échange des mots et des sceaux, le ton monte. On est en Italie quand même, plus de deux mille cinq cents âmes ! Le Patrimoine de Saint Titus, qui n'a d'Universel que le nom, souvent, quand on dresse français, italiens et allemands les uns contre les autres, tarde à annoncer ses conclusions et ses plus honorables et éminents juristes se perdent en querelles byzantines sur la nature profonde du point virgule du trente-troisième alinéa du Concordat. On en rigole pas avec le droit et la procédure, chez les Romains !

Et ensuite me demanderez-vous ? C'est bien là, toute la question...

iZaac pour l'AAP agence Meuse, Saône et Rhône

http://www.degloriaregni.com/KAP/index.php?id_depeche=77662

______________________________
Revenir en haut Aller en bas
iZaac
Père Castor
avatar

Messages : 5542
Date d'inscription : 10/06/2008

MessageSujet: Re: [rp] l'Aristotélité, ce vaste monde [...] Pars imperii lingua italicum   Dim 30 Avr - 13:04

Citation :
30/04/1645 La bataille d'Otrante

Napoli (AAP) - Entre le 19 et le 26 février dernier, la mer Adriatique a été le théâtre d'une des plus grandes batailles navales de l'histoire des Royaumes par le nombre de navires impliqués. Elle a opposé la Ligue Adriatique qui rassemble les Royaumes d'Albanie, de Bosnie et des Deux-Siciles et la République de Venise, à une flotte de pirates turcs et valaques, de l'Ordo Negrum Equites et de la Saruhanlý Askeri Teþkilatý.

Notre lecteur assidu n'ignore rien des démêlés dans les Balkans entre Bosnie et Terra Ferma vénitienne. Le 9 février, l'état d'urgence était proclamé à Zenica après la prise du port bosniaque de Brstanik par les routiers. Le 10, la Ligue Adriatique interdisait la navigation dans le Canal d'Otrante, gardé par la "Karma", une chiatta Albanaise, commandée par le capitaine Carac.



Le 19, une armada barbaresque atteint et force le blocus. Un premier navire de la Ligue est coulé, un suivant le 20, une galea sicilienne, la "Adriatic Storm" de Vittoriachristine, amarrée dans le port de Dyrrah en Albanie. Le 21, c'est le tour de la galea "San Francesco" du capitaine sicilien Alpha Centauri. Dans la journée le vent tourne : les "TWC - Cerberus", "TWC - Azahara", "TWC - Godot", "Hellcentric", le "Slayer", et les "UN Imperator", "UN Amazon" et "Blonde Hurricane", pas moins de huit caraques de guerre, sont coulées par l'escadre de la Ligue. Le reste de la flotte se replie vers Corfou au sud. Les caraques de guerre turques "Ghost", "Kiyamet Sakali", "Reis" et "Peyk-i Zafer" sont rattrapées et coulées. La bataille se poursuit en mer Ionienne, où le 25 février, la flotte de la Ligue coule une treizième puis une quatorzième caraque, "l'Estedia" et la "Hunyadi" puis enfin la chiatta "Guardia", achevant là, sa mission Patriot.

Scaramuccia per l'AAP agence Meuse, Saône & Rhône

______________________________
Revenir en haut Aller en bas
Fernand
Cousin péteur
avatar

Messages : 930
Date d'inscription : 12/11/2008

MessageSujet: Re: [rp] l'Aristotélité, ce vaste monde [...] Pars imperii lingua italicum   Dim 30 Avr - 18:54

Spoiler:
 

______________________________
Ambuleur ... avec un "C"
Revenir en haut Aller en bas
iZaac
Père Castor
avatar

Messages : 5542
Date d'inscription : 10/06/2008

MessageSujet: Re: [rp] l'Aristotélité, ce vaste monde [...] Pars imperii lingua italicum   Dim 20 Mai - 13:40

http://www.degloriaregni.com/KAP/index.php?id_depeche=89178

Citation :


20/05/1466 ONE sert le nœud des Croates

Zagreb (AAP) - l'Ordo Negrum Equites ravage et emporte la Croatie. La grande compagnie composée de Valaques, Serbes, Italiens et quelques Grecs, alliée avec le Royaume de Serbie et la province Ottomane de Bursa, ensanglante une nouvelle fois toute la vallée de la Save.

Le 5 avril dernier, l'armée « O.N.E - Acta est fabula » dirigée par Letyzia, l'armée « O.N.E - Empire » dirigée par Acrep, et l'armée « O.N.E - The Scourge » dirigée par Justinien déciment les défenses croates. Les écorcheurs investissent la ville de Vrbovsko et le château de Dubovac. Rijeca sur l'Adriatique est à quelques jours de Venise. Avec près de 600 habitants, les Royaumes unis de Croatie et de Hongrie n'ont pourtant plus que leurs yeux pour pleurer : la Croatie n'est composée que de trois cités d'une petite centaine d'habitants chacune.

Le 19 mai, une écrasante victoire électorale vient couronner l'ambition de l'ordre des cavaliers noirs - ou des cavaliers de l'ordre noir, le latin dinarique reste approximatif - à gouverner la Croatie. Avec 80,2 % des suffrages exprimés, l"Ordo Negrum Equites" (O.N.E) mené par Letyzia Elisabeth Margaret Tudor bat la liste historique de Kupido, arrivée en seconde position, "Samo Mrtvi Radimo Tiraninima" (S.M.R.T.) : 19.8%.

La jeune femme est loin d'être une inconnue. Les yeux bleus, la moue charnue et le bustier serré, cette aristocrate italienne, qui fut baronne dans les Abruzzes, marquise et même Doge à Venise, ne compte pourtant que 26 printemps : la bombasse est rousse et explosive, la condottiere, nouvelle princesse de Croatie.


Salvatore per l'AAP agence Meuse, Saône et Rhône.

[RP] The Black Sun (The Chronicles of O.N.E) http://forum.lesroyaumes.com/viewtopic.php?t=2372659

______________________________
Revenir en haut Aller en bas
iZaac
Père Castor
avatar

Messages : 5542
Date d'inscription : 10/06/2008

MessageSujet: Re: [rp] l'Aristotélité, ce vaste monde [...] Pars imperii lingua italicum   Mer 2 Jan - 8:55

http://www.degloriaregni.com/KAP/index.php?id_depeche=94635

Citation :


02/01/1467 c'era una volta nella Repubblica di Firenze

Firenze (AAP) - Nella Repubblica di Firenze è caccia aperta a Karmat (al momento si nasconde per scappare ai procedimenti penali a suo carico), inserito in molte BL (Black List) dei regni italici, tra cui anche la BL Imperiale. Matteo Delle Pennìche conosciuto come Karmat era il Signore di Firenze fino a quasi un mese fa, precisamente il 17 Novembre 1466. Ma in seguito a un comunicato dell'Imperatore (data 22 Novembre 1466) e all'approvazione della mozione di sfiducia, non è più stato riconosciuto come Signore di Firenze. Da lì in poi Karmat ha sollevato senza alcuna comunicazione e motivazione i Consiglieri dagli incarichiche lui stesso aveva loro assegnato. Nel frattempo Karmat agiva indisturbato rubando tra le casse della Repubblica di Firenze. Nel mentre la Repubblica di Firenze dichiara istituita Legge Marziale su tutto il territorio, a farlo il precedente Signore di Firenze conosciuto come Mizar_louis (dichiarato e conosciuto come Signore di Firenze dall'Imperatore del Sacro Romano Impero) sentiti ovviamente i pareri dei consiglieri in carica. Intanto Karmat (ancora Signore di Firenze in carica) rimuove altri consiglieri dalle cariche che lui stesso aveva assegnato. Non contento di ciò Karmat prende la città di Pisa sotto il suo controllo, grazie al suo esercito, inizia così a imporre illegalmente tasse (tasse episcopali), tasse fondiare che arrivano anche a 150 ducati, che ogni cittadino si è ritrovato da pagare. Ma passa un giorno soltanto e viene spodestato, Esabette grazie ai cittadini di Pisa riprende la città e diviene sindaco. La Repubblica di Firenze ha emesso un comunicato ufficiale dicendo che chiunque lo vedrà potrà e dovrà comunicarlo direttamente al Prefetto della Repubblica di Firenze.


Tommaso De Leyva per la KAP agenzie Meuse, Saône, Rhône e Po

______________________________
Revenir en haut Aller en bas
iZaac
Père Castor
avatar

Messages : 5542
Date d'inscription : 10/06/2008

MessageSujet: Re: [rp] l'Aristotélité, ce vaste monde [...] Pars imperii lingua italicum   Jeu 3 Jan - 9:27

http://www.degloriaregni.com/KAP/index.php?id_depeche=94655

Citation :


03/01/1467 Politica Modenese, Chiesa di Oane e Impero

Modena (AAP) - Il Duca di Modena ha emanato due decreti ducali, il primo: ha inserito in BL (Black List) tutti i seguaci della Chiesa di OANE e il secondo: ha comunicato un ultimatum che obbliga tutti coloro che fanno parte di OANE di disconoscere questo credo in modo tale da non venire considerato nemico di Modena. In questi giorni il nostro Imperatore è stato in visita nel ducato di Modena, ha risposto a molte domande e lamentele dei modenesi in piazza, cercando di mediare e far ragionare tutti i modenesi per il bene del ducato e dell'impero. Anzi ha insistito per aprire un tavolo di trattative insieme alle due parti.

Ancora non si sa nulla in merito, però la discussione è andata per le lunghe, il duca di Modena ha fatto perfino perdere le staffe al nostro Imperatore, accusando la reggente imperiale Aislinn Isabeau Borgia della Gherardesca conosciuta come Stormhawk, di voler vanificare gli sforzi dell'Imperatore per sedersi ad un tavolo e trovare una soluzione. L'imperatore non si è fatto attendere e ha risposto a tono al duca di Modena, rimproverandolo pubblicamente in piazza, dicendogli che la sua reggente imperiale ha tutto il diritto di esprimersi liberamente. Ricordando al duca di Modena, « che se non è in grado di accettare domande difficili non dovrebbe nemmeno fare politica ». La situazione al momento è complicata, entrambi le parti non hanno rilasciato nessun comunicato ufficiale, in piazza tra l'altro i modenesi si sono scontrati fra di loro, ostacolando con le loro discussioni il dialogo e il confronto che l'Imperatore stava cercando.


Tommaso De Leyva per la KAP agenzie Meuse, Saône, Rhône e Po

i dettagli dei comunicati ufficiali
http://forum.iregni.com/viewtopic.php?t=2388679

______________________________
Revenir en haut Aller en bas
iZaac
Père Castor
avatar

Messages : 5542
Date d'inscription : 10/06/2008

MessageSujet: Re: [rp] l'Aristotélité, ce vaste monde [...] Pars imperii lingua italicum   Sam 5 Jan - 0:28

http://www.degloriaregni.com/KAP/index.php?id_depeche=94677

Citation :


05/01/1467 Cos'è ? La Chiesa Aristotelica di Oane

Pisa (AAP) - La Chiesa di Oane il suo acronimo CAPO, è una chiesa scismatica nata a Massa per contrastare la simonia della chiesa aristotelica di Gropius, arcivescovo romano di Pisa. Nacque quando si voleva cambiare il concordato a Modena, facendone nei fatti uno stato teocratico (e in parte l'attuale Duca, Spartaelcid, ha modificato il concordato escludendo i fedeli delle altre religioni dalla vita pubblica, ad esempio). Lo scorso anno molti cittadini modenesi furono messi sotto processo inquisitoriale a seguito della loro adesione ad un elenco di persone che volevano creare una lista di opposizione ad AM e criticarono l'uso ricattatorio dell'allora parroco di Modena Gropius del sistema delle confessioni. (il confessionale era aperto poche ore a settimana, affamando così le anime dei fedeli e creando malcontento fra i modenesi). a Chiesa di Oane non è comunque un partito politico, anche se il suo portavoce, Messer Attle, « Cavaliere Aristotelico di Massa », e alcuni dei suoi membri fanno politica in vari partiti.

Tommaso De Leyva per la KAP agenzie Meuse, Saône, Rhône e Po

______________________________
Revenir en haut Aller en bas
iZaac
Père Castor
avatar

Messages : 5542
Date d'inscription : 10/06/2008

MessageSujet: Re: [rp] l'Aristotélité, ce vaste monde [...] Pars imperii lingua italicum   Lun 7 Jan - 8:29

http://www.degloriaregni.com/KAP/index.php?id_depeche=94734

Citation :


07/01/1467 Contenzioso tra Modena e Genova

Bologne (AAP) - In questi giorni sta proseguendo il processo d'innanzi alla Corte d'Appello Imperiale delle Province Italiche riguardante il contenzioso tra la Repubblica di Genova ed il Ducato di Modena. Il Ducato di Modena contesta la violazione del trattato di non belligeranza per lo sconfinamento dell'esercito genovese nei territori di sua competenza e - non essendovi stato modo di ricomporre la questione tra le parti - tale controversia è finita davanti al giudice Dennis Laerte Morosini. Nei fatti il Ducato di Modena accusa la Repubblica di Genova di esser chiamata a rispondere delle azioni dell'ex-doge di Genova Lucas Torlonia in violazione dell'articolo X del "Trattato di non belligeranza" nonchè il trattato di pace ancora vigente tra i due principati.

Noto alle cronache infatti è lo sconfinamento dell'esercito genovese su ordine dell'ex-doge Torlonia all'interno dei territori del Ducato di Modena - per esattezza sconfinamento nei territori della città di Massa - ed è la questione su cui si discute in tribunale ossia se quell'esercito abbia agito per conto di privati che hanno abusato della loro posizione istituzionale o per conto delle istituzioni genovesi (seppur su abuso di privati). La definizione dell'agente è fondamentale in diritto per determinare la responsabilità.

Da una parte si contesta quindi un'illegittimità politica o per lo meno di diritto interno (abuso di potere dell'ex-doge) che - secondo Genova - non dovrebbe produrre effetti sull'esterno (o comunque conseguenze giuridiche) mentre dall'altra parte - secondo Modena - si differenzia in primis la sfera politica da quella giuridica, per quanto riguarda la definzione di legittimità del doge, contestando anche che quando s'inficia la sovranità altrui in violazione di un trattato (diritto esterno) non ci si può richiamare a questioni di diritto interno per non risponderne ergo - per Modena - conta solo che l'esercito fosse di Genova e l'ordine fosse da un doge legittimamente in carica sotto il profilo del diritto.

Il processo è ancora in fase di svolgimento e le parti sono rappresentate dall'avvocato Letizia Viola Delle Rose (Modena) e dall'ex-doge Frenkysek (Genova). Ad ora sono sfilati come testimoni di Genova illustri nomi della politica genovese anche se non senza intoppi, tant'è che Giobatta Picedi-Benettini sia arrivato in un'impeto d'ira a minacciare l'avvocato di Modena per una domanda postagli e lo stesso ha poi ricevuto un'ammonizione dal giudice. Giobatta Picedi-Bettini ha prodotto davanti al giudice anche un documento che mostra l'approvigionamento dell'esercito che sconfinò nella città di Massa da parte dell'allora Ministro del Commercio della Repubblica di Genova.

Il giudice ha ben marcato alle parti che tale processo serve per stabilire se la responsabilità del gesto sia da imputare effettivamente alla Repubblica di Genova o meno ossia se l'esercito sia un esercito regolare genovese, a prescindere da violazioni del diritto interno dei funzionari repubblicani (abuso di potere, ecc.), o se questo sia stato un'iniziativa privata allo scuro delle istituzioni. A breve cominceranno a sfilare i testimoni del Ducato di Modena anche se l'interrogatorio di Giobatta Picedi-Bettini è ancora in corso ad opera del giudice. Continueremo a seguire a margine dell'aula il processo aspettando se vi saranno altri colpi di scena o lo stravolgimento delle posizioni.


Pio Valeriano Auriello per la KAP agenzie Meuse, Saône, Rhône e Po

Gli atti integrali del processo:
http://forum.iregni.com/viewtopic.php?t=2387874

______________________________
Revenir en haut Aller en bas
iZaac
Père Castor
avatar

Messages : 5542
Date d'inscription : 10/06/2008

MessageSujet: Re: [rp] l'Aristotélité, ce vaste monde [...] Pars imperii lingua italicum   Mer 9 Jan - 8:59

http://www.degloriaregni.com/KAP/index.php?id_depeche=94775

Citation :


09/01/1467 Genova, un autunno turbolento

Genova (AAP) - Anche nella Repubblica di Genova ci sono stati disordini nei mesi precedenti. A Settembre la capitale della Repubblica di Genova è stata attaccata dall'esercito irregolare del Generale Nobledupont, nonostante l'attacco Genova si è saputa difendere, ostacolando così l'esercito ribelle che non ha varcato le porte e mura della città. L'Impero corre in aiuto della Repubblica di Genova e con le sue Guardie Imperiali, si trasferisce in capitale. Nobledupont nel mentre nella notte con il suo esercito si sposta ad Albenga attaccandola prendendo possesso della città e anche il controllo del Porto di Albenga. Il doge di Genova allerta le Aquilae Imperatoris, i miliziani della città e l'indomani tenta un assalto autorizzato per riprendersi la città.

Il Generale ribelle Nobledupont, attualmente Consigliere senza carica de la Repubblica, corre ai ripari e scioglie il proprio esercito, in questo modo i miliziani non trovano alcuna resistenza e liberano il municipio della città. Il 20 Ottobre 1466 invece un'organizzazione pirata conosciuta come DArk Souls (tra cui ha rivendicato l'attacco con tanto di comunicato), composta da due Caracche da guerra, ha attaccato il porto di La Spezia affondando quattro navi genovesi, Non contenti nel pomeriggio i pirati si sono spostati sul porto di Chiavari, affondando altre due navi, fra cui una nave di proprietà del municipio.

Se i pirati de la capitano Anne Bonny riuscirono a fuggire dall'Ammiraglio della Marina della Repubblica di Genova Luchipaper, il generale Nobledupont intanto rimane in libertà nonostante in BL imperiale e nemico della Repubblica di Genova. Perchè il Giudice non emette sentenza ? Semplice, perchè non si può comminare una condanna a chi è in esercito. E come se non bastasse non si può impedire a nessuno di candidarsi come Consigliere della Repubblica di Genova. Infatti Nobledupont attualmente è consigliere della repubblica di Genova, l'unica cosa che il governo può fare è lasciarlo senza incarichi importanti all'interno del consiglio eletto.


Tommaso De Leyva per la KAP agenzie Meuse, Saône, Rhône e Po

Comunicato di DArk Souls
http://forum.iregni.com/viewtopic.php?t=23854911

______________________________
Revenir en haut Aller en bas
Contenu sponsorisé




MessageSujet: Re: [rp] l'Aristotélité, ce vaste monde [...] Pars imperii lingua italicum   

Revenir en haut Aller en bas
 
[rp] l'Aristotélité, ce vaste monde [...] Pars imperii lingua italicum
Revenir en haut 
Page 2 sur 2Aller à la page : Précédent  1, 2
 Sujets similaires
-
» master 2 "monde du livre" à aix
» WEBCAM du Monde
» Le plus vieil opéra du monde à Granville
» Les marchés de Noel à travers le monde
» HANDBALL. LE CHAMPIONNAT DU MONDE DÉBUTE AUJOURD’HUI.

Permission de ce forum:Vous pouvez répondre aux sujets dans ce forum
La Compagnie du Leman :: "Je fleurirai là où je serai portée" - Décrets, Patentes et Brevets. [Accès à tous] :: Les bureaux de la compagnie :: L'aristotélité, ce vaste monde [...]-
Répondre au sujetSauter vers: